Meningite, il cuore del medico napoletano salva la vita di un 14enne

Meningite, il cuore del medico napoletano salva la vita di un 14enne

La famiglia di Vincenzo Di Stazio, il medico chirurgo di Mugnano morto a seguito di una meningite fulminante, ha deciso, interpretando la sua volontà, di procedere con la donazione degli organi a chi ne avesse bisogno. Così come in vita anche ora Vincenzo riuscirà a salvare altre vite. In questo caso salverà la vita di Alessio un giovane di Scafati da tempo in attesa di un donatore.
L’operazione di espianto e trapianto avverrà all’ospedale Monaldi di Napoli.
Vincenzo — commenta un amico — ha salvato tante persone ed ora continuerà a vivere nel corpo di un’altra persona, salvando un ragazzino”.
Il medico era stato ricoverato la notte di Capodanno prima nella clinica Villa dei Fiori dove era da tempo in servizio, poi trasferito all’Ospedale del Mare e poi al Cotugno dove è deceduto. Tanta la commozione ai suoi funerali ieri, la basilica era stracolma di amici, conoscenti ma soprattutto pazienti a cui ha salvato la vita e che hanno deciso di rendergli omaggio per l’ultima volta.